Governance

La struttura della fondazione MESIT

La Fondazione è dotata di autonomia scientifica, amministrativa e contabile, ha la capacità giuridica per compiere tutti gli atti necessari per il conseguimento delle proprie finalità istituzionali.

In particolare:

  • compie ricerche sui fenomeni sociali di particolare rilevanza per quanto riguarda le problematiche emergenti nel settore socio – sanitario;
  • collabora con le istituzioni pubbliche, con le associazioni degli imprenditori, con le università, con istituzioni scientifiche su temi inerenti ai propri compiti istituzionali;
  • promuove il trasferimento delle conoscenze attraverso l’organizzazione di congressi sui principali problemi di medicina sociale, svolge e promuove la formazione attraverso il conferimento di borse di studio e perfezionamento;
  • favorisce la produzione scientifica in campo medico sociale con proprie pubblicazioni sia a carattere monografico che periodico.

Il Consiglio Di Amministrazione

Il Consiglio Di Amministrazione è composto da esperti di amministrazione, medicina sociale, consulenti e accademici.

Spetta al Consiglio Di Amministrazione stabilire l’indirizzo politico e le direttive generali per il conseguimento dei fini istituzionali della Fondazione.

In particolare:

  • fissa le direttive generali dell’attività della Fondazione, indica le priorità ed emana le conseguenti direttive per l’azione amministrativa;
  • delibera l’approvazione del bilancio preventivo, le eventuali variazioni, nonché il conto consuntivo;
  • delibera la nomina e la revoca del direttore generale;
  • assegna al direttore generale, dopo l’approvazione del bilancio di previsione, le risorse finanziarie necessarie per il raggiungimento degli obiettivi, nell’ambito delle dotazioni di bilancio.

Il Comitato Scientifico

Il Comitato Scientifico è composto da docenti universitari di medicina sociale esperti nei settori di interesse dell’Istituto ed esercita le seguenti funzioni:

  • formula al Consiglio Di Amministrazione proposte di programmi scientifici per l’elaborazione e l’aggiornamento dei piani di ricerca e di trasferimento delle conoscenze;
  • esprime parere non vincolante sul piano delle attività;

Nella prima seduta il Comitato nomina, nel suo ambito, il coordinatore ed adotta il regolamento per lo svolgimento della propria attività.